Imagem procriar

10 consigli per aumentare la fertilità

Fertilità 16 Dicembre 2019
  • Non ritardi la maternità

Contrariamente a quanto accade negli uomini (che, dopo la pubertà, possono produrre spermatozoi ininterrottamente per tutta la vita), le donne nascono con un numero limitato di follicoli ovarici (che daranno origine a ovociti dopo la pubertà), che vengono persi tra la nascita e la menopausa: alla nascita ci sono 1-2 milioni di follicoli, di cui il 75% andrà perso fino alla pubertà (l'età in cui saranno solo circa 300.000) e il resto fino alla menopausa (entro i 50 anni).

Il picco di fertilità di una donna viene quindi raggiunto tra i 20 e i 30 anni di età, con un netto calo dopo i 35 anni e molto significativo dopo i 40.

Perciò, la decisione (per motivi medici, professionali o personali) di posticipare la maternità è sempre associata a una minore probabilità di rimanere incinta in futuro.

  • E se proprio deve rimandare una gravidanza ... consideri la crioconservazione degli ovociti

Aziende come Apple, Facebook e Google hanno deciso di offrire alle sue lavoratrici la possibilità di crioconservare i propri ovociti, in modo che quelle possano programmare la formazione delle loro famiglie senza il vincolo del'“orologio biologico”.

Se è vero che sono state diverse le critiche a queste iniziative, che potrebbero suggerire la supremazia dell'attività professionale alla creazione di una famiglia, non è meno vero che ci sono altre ragioni (diverse da quelle professionali) che possono portare al rinvio della maternità (ragioni economiche, mediche o, semplicemente, l'assenza del “partner giusto”).

Qualunque sia la ragione, la crioconservazione degli ovociti (in particolare se eseguita prima dei 35 anni) può essere un modo di preservare il potenziale riproduttivo fino all'età in cui si desidera avere figli. Il successivo utilizzo di questi ovociti richiederà, ovviamente, una tecnica di procreazione medicalmente assistita. Va notato che, in Portogallo, il limite di età per una donna potere ricorrere alle tecniche di procreazione medicalmente assistita è di 50 anni.

  • Abbia un peso normale

La relazione tra sovrappeso, obesità e infertilità (sia maschile che femminile) è oggi ben documentata. Ci sono innumerevoli studi che dimostrano, inequivocabilmente, che il sovrappeso e l'obesità negli uomini stanno associati a livelli più bassi di testosterone e una qualità dello sperma più scadente, con una significativa riduzione del numero e della qualità degli spermatozoi.

Nelle donne, il sovrappeso e l'obesità stanno associati a diversi squilibri ormonali che si traducono in disfunzione ovarica (maggiore incidenza di cicli senza ovulazione), peggiore qualità degli ovociti, minore ricettività uterina all'impianto dell'embrione e un maggior numero di complicazioni durante la gravidanza (vale a dire aborti ripetuti).

La buona notizia è che, sia per gli uomini che per le donne, la perdita di peso e il raggiungimento di un peso sano stanno associati a una correzione degli aspetti riferiti e, quindi, a una maggiore fertilità.

  • Non fumi

È noto che il tabacco contiene più di 4000 sostanze tossiche che influiscono negativamente sulla salute. Molte di queste danneggiano il DNA delle cellule, provocando mutazioni.

Oltre al rischio significativamente aumentato di cancro (polmone, laringe, esofago, stomaco, vescica, ecc.) e malattie cardiovascolari, i fumatori hanno anche un rischio maggiore di infertilità.

Infatti, il tasso di infertilità è circa 2 volte più alto nei fumatori rispetto ai non fumatori, essendo il rischio maggiore quanto più elevato il numero di sigarette consumate quotidianamente.

Gli uomini fumatori hanno, in media, un numero minore di spermatozoi e una percentuale più alta di spermatozoi morfologicamente anormali e con minore mobilità, quindi con minore capacità di fecondare.

Per quanto riguarda le donne, il tabacco porta a una peggiore qualità degli ovociti e una riserva ovarica minore, quindi la menopausa si verifica, in media, da 1 a 4 anni prima di quella osservata nelle non fumatrici.

Inoltre, il tasso di successo dei trattamenti di procreazione medicalmente assistita, come la fecondazione in vitro, nei fumatori è inferiore a quello osservato nei non fumatori della stessa età, con un numero inferiore di ovociti ottenuti dopo la stimolazione e un tasso di gravidanza fino al 30% inferiore.

D'altra parte, anche i figli delle donne fumatrici avranno una diminuzione della fertilità, sia nei maschi (con meno spermatozoi) che nelle femmine (minore riserva ovarica).

In conclusione, segua il consiglio: per la sua salute (e, a proposito, per la salute dei suoi figli), smetta di fumare.

  • Eviti comportamenti sessuali rischiosi e malattie sessualmente trasmissibili

Le malattie sessualmente trasmissibili (MST) sono una causa indiscutibile di infertilità, soprattutto tra le donne, che può essere evitata.

In particolare, l'infezione da Clamidia o gonorrea può raggiungere l'utero e le tube di Falloppio e innescare una malattia infiammatoria pelvica, la cui cicatrizzazione può portare all'ostruzione permanente delle tube e, di conseguenza, alla sterilità, costringendo, successivamente, a ricorrere a trattamento di fecondazione in vitro.

Nelle donne, queste due malattie sessualmente trasmissibili possono non causare sintomi, o dare origine a sintomi lievi, quindi spesso non vengono trattate in modo tempestivo.

Perciò, è molto importante praticare sesso sicuro utilizzando il preservativo, eseguire test periodici per lo screening di malattie sessualmente trasmissibili in uomini e donne con una vita sessuale attiva e, in caso di sospetta MST, il tempestivo ricorso al medico per confermare / escludere la diagnosi e, se necessario, trattamento tempestivo della malattia.

  • Eviti il consumo di alcol o beva con moderazione

Nelle donne, il consumo moderato di alcol (fino a circa 12 grammi al giorno, che corrisponde a circa 1 lattina di birra, o 1 bicchiere da 165 ml di vino) non sembra essere associato a una minore fertilità o minore probabilità di rimanere incinta.

Tuttavia, il consumo al di sopra di essa quantità (in particolare, i consumi al di là di 115 grammi di alcol a settimana, che corrisponde a meno di 2 lattine di birra o 2 bicchieri di vino al giorno) è associato a una significativa diminuzione della fertilità, con conseguente quasi 20% in meno di possibilità di rimanere incinta.

L'elevato consumo di alcol negli uomini è anche associato a una riduzione del numero di spermatozoi.

Quindi, se vuole rimanere incinta, eviti (o riduca) l'assunzione di bevande alcoliche e, a proposito, se rimani incinta, eviti completamente di bere alcolici.

  • Consuma caffè con moderazione

I dati scientifici disponibili non sono del tutto conclusivi sull'influenza dell'ingestione di caffeina sulla fertilità femminile, ma la maggiore parte degli studi rivela che il consumo giornaliero di meno di 300 milligrammi di caffeina (un espresso contiene tra 70 e 100 mg di caffeina) è probabilmente sicuro, non pregiudicando la probabilità di rimanere incinta.

Cioè, se beve fino a 3 caffè al giorno, non deve necessariamente cambiare le sue abitudini.

L'ingestione di quantità maggiori di caffeina può ridurre la fertilità.

Va sottolineato, tuttavia, che non è solo il caffè a contenere caffeina, quindi dovrà fare i calcoli correttamente. In effetti, una lattina di coca-cola contiene circa 35-40 milligrammi di caffeina, bevande energetiche il doppio di quella quantità e il cioccolato fondente stesso contiene circa 40 milligrammi di caffeina per 100 grammi.

In conclusione, si consiglia di non superare l'assunzione di oltre 300 milligrammi di caffeina al giorno.

  • Segua una dieta sana

L'influenza della dieta sulla fertilità non si limita alla sola questione del peso.

Infatti, la produzione di ovociti e spermatozoi di qualità può essere influenzata da deficit nutrizionali.

Pertanto, è importante mantenere una dieta sana e varia, prestando particolare attenzione a un adeguato apporto di cibi ricchi di ferro (non solo carne e pesce, ma anche verdure, come spinaci, cavoli, ecc.), zinco (carne, frutti di mare, legumi, semi, noci, ecc.), grassi sani (come quelli presenti nell'olio di oliva e cibi ricchi di omega-3, come sardine, sgombri, salmone, semi di lino, ecc.), acido folico (verdure, soprattutto quelle a foglia verde) e altre vitamine (frutta e verdura). Dovrebbe anche ridurre l'assunzione di zucchero e carboidrati trasformati.

  • Mantenga un'attività fisica regolare e moderata

I dati scientifici disponibili mostrano che un'attività fisica regolare e moderata può migliorare la fertilità femminile, indipendentemente dal peso della donna.

I benefici di un'attività fisica regolare e moderata in termini di fertilità sembrano essere correlati non solo alla sua influenza sul mantenimento di un peso sano, ma anche all'equilibrio ormonale, alla riduzione dello stress, al miglioramento della qualità del sonno, tra altri fattori.

Nos homens, o exercício físico moderado parece também relacionar-se com melhoria da qualidade espermática (maior número e concentração de espermatozoides), provavelmente devida a um aumento natural dos níveis de testosterona.

Negli uomini,  l'esercizio fisico moderato sembra anche essere correlato al miglioramento della qualità dello sperma (maggior numero e concentrazione di spermatozoi), probabilmente a causa di un aumento naturale dei livelli di testosterone.

Va sottolineato che un'attività fisica moderata non implica necessariamente andare in palestra, ma cose semplici come camminare 30 minuti al giorno (preferibilmente ad un ritmo veloce), ballare, andare in bicicletta, ecc.

L'esercizio fisico intenso non è raccomandato, tranne nel caso di donne obese.

Infatti, nelle donne obese l'esercizio fisico intenso migliora la fertilità, ma in tutte le altre è associato ad una maggiore incidenza di infertilità.

Anche negli uomini, l'esercizio fisico intenso / estremo sembra essere associato a una minore produzione di spermatozoi e livelli di testosterone più bassi.

  • Se non è riuscita a concepire dopo 1 anno (o dopo 6 mesi se ha più di 35 anni) consulti uno specialista

Più tardi inizia l'indagine sulle cause di una eventuale infertilità, più tardi possono iniziare i trattamenti successivi.

Ora, con la diminuzione della fertilità femminile con l'età, con maggiore ripercussione dopo i 35 anni, ritardare una visita di fertilità può compromettere il successo di un'eventuale tecnica di riproduzione medicalmente assistita che possa essere indicata.

Inoltre, faccia attenzione ai "segnali di pericolo" che possono indicare disturbi del normale funzionamento del sistema riproduttivo, femminile o maschile, come una storia di cicli mestruali molto irregolari, forti dolori mestruali, precedenti trattamenti contro il cancro o disfunzioni sessuali.

Joana Mesquita Guimarães

Direttrice della Clinica Procriar, Porto


2814

Veja também


Fertilità 09 Outubro 2019 '
Parliamo di fertilità